Citazioni di Antonio Porchia

58 citazioni  
Il ricordo è un poco di eternità.
Il non saper fare seppe fare Dio.
Non mi parlare. Voglio stare con te.
Chi ama sapendo perché ama, non ama.
Ti amo come sei, ma non dirmi come sei.
Ci sono sogni che hanno bisogno di riposo.
Chi dice la verità, non dice quasi niente.
Un cuore grande si riempie con molto poco.
Quando mi chiamano “mio”, non sono nessuno.
Temere non umilia tanto come essere temuto.
Chi perdona tutto ha dovuto perdonarsi tutto.
Il male non lo fanno tutti, però accusa tutti.
L'uomo vorrebbe essere un dio, senza la croce.
Si impara a non avere bisogno, avendo bisogno.
Si vive con la speranza di diventare un ricordo.
Quello che so lo sopporto con quello che non so.
Quando non sono fra le nuvole, sono come perduto.
Ogni cosa esiste grazie al vuoto che la circonda.
A volte, di notte, accendo una luce per non vedere.
Il timore della separazione è tutto ciò che unisce.
Perché credi di avermi capito hai smesso di capirmi.
A volte, di notte, accendo una luce, per non vedere.
Parole che mi dissero in altri tempi, le sento oggi.
Non hai nulla e mi daresti un mondo. Ti devo un mondo.
Ti diranno che sei sulla strada sbagliata, se è la tua.
Quando morirò, non mi vedrò morire, per la prima volta.
Alcune cose diventano tanto nostre che le dimentichiamo.
Oggi non potrei abituarmi a come sarò domani; domani sì.
Il bambino mostra il suo giocattolo, l’uomo lo nasconde.
Una cosa, finchè non è tutta, è rumore; tutta è silenzio.
Solo alcuni arrivano a nulla, perché il percorso è lungo.
Cento uomini, insieme, sono la centesima parte di un uomo.
Ciò che ti ho dato, lo so. Ciò che hai ricevuto, non lo so.
Se non alzi gli occhi, crederai di essere il punto più alto.
Troverai la distanza che ti separa da loro, unendoti a loro.
Chi fa un paradiso del suo pane, della sua fame fa un inferno.
Abbiamo un mondo per ognuno, ma non abbiamo un mondo per tutti.
Dio mio, non ho quasi mai creduto in te, ma ti ho sempre amato.
Mi si apre una porta, entro e mi imbatto in cento porte chiuse.
La perdita di una cosa ci tormenta finché non la perdiamo tutta.
Trattami come devi trattarmi, non come merito di essere trattato.
La verità ha ben pochi amici e i ben pochi amici che ha sono suicidi.
Quanto ho perduto lo trovo a ogni passo e mi ricorda che l'ho perduto.
Un poco di ingenuità non si separa mai da me. Ed è lei che mi protegge.
L'umanità non sa ormai dove andare, perché nessuno la aspetta: neppure Dio.
Dio ha dato molto all’uomo; ma l’uomo vorrebbe ricevere qualcosa dall’uomo.
Tutti i soli si sforzano di accendere la tua anima. Un solo microbo la spegne.
Ci sono dolori che hanno perduto la memoria e non ricordano perché sono dolori.
Vediamo attraverso qualcosa che ci illumina; attraverso qualcosa che non vediamo.
Per stare tranquilli non bisogna preoccuparsi. Vogliamo davvero stare tranquilli?
La mia voce mi dice: "Così è tutto". E l'eco della mia voce mi dice: "Così sei tu"
Tutto era rimasto senza inganno, quella volta. E quella volta ebbi paura di tutto.
Sono arrivato a un passo da tutto. E qui me ne rimango, lontano da tutto, di un passo.
Quanto meno uno crede essere, più sopporta. E se crede di essere nulla, sopporta tutto.
Di quanto prendo, prendo di più o di meno, non prendo il giusto. Il giusto non mi serve.
Uomini e cose, salgono, scendono, si allontanano, si avvicinano. Tutto è una commedia di distanze.
Poiché mi preparo solo per ciò che dovrebbe accadermi, non mi trovo preparato per ciò che mi accade. Mai.
Se tu potessi uscire dalle tue pene e uscissi dalle tue pene, sapresti dove andare al di fuori dalle tue pene?
58 citazioni