Citazioni di Seneca

164 citazioni  
Vivi adesso.
Moriamo ogni giorno.
La morte pareggia tutto.
La vita è lunga se è piena.
Sacra è la voce del popolo.
Vivere vuol dir combattere.
I mali che fuggi sono in te.
La felicità vera è nella virtù.
Pazienza offesa diventa furore.
Senza varietà nulla è giocondo.
L'uomo è un animale che ragiona.
Che stupidi sono questi mortali.
Nasciamo diversi, moriamo uguali.
Pianto d'erede è mascherato riso.
Il sole splende anche sui malvagi.
Fuggi l'ambizione e vinci un regno.
Curan la fama i più, pochi l'onore.
Una mente notevole possiede un regno.
La ferita risana, la cicatrice resta.
Carezze, non comandi, amor fan dolce.
Pensa, ma non dir mal del tuo nemico.
Quando insegnano, gli uomini imparano.
Non è mai poco quello che è abbastanza.
Chi si adatta bene alla povertà è ricco.
Perdona sempre gli altri, mai te stesso.
Usa le orecchie piuttosto che la lingua.
La calamità è l'opportunità della virtù.
Il più blando discorso ha il suo veleno.
Par consiglio nell'ira anche il delitto.
La felicità è sempre instabile e incerta.
La vita, senza una meta, è vagabondaggio.
La speranza del premio allevia la fatica.
Una grande fortuna è una grande schiavitù.
La virtù cresce osando, tardando la paura.
Pazienza, non lacrime, necessità richiede.
Altro l'uom ha sul labbro, altro nel core.
Il lavoro caccia i vizi derivanti dall'ozio.
La libertà è l'affrancamento dalle passioni.
Il miglior rimedio per la rabbia è l'indugio.
Quando trionfa il vizio, è peccator l'onesto.
Lieve è il dolore che parla. Il grande è muto.
Nessuno mai condannò la sapienza alla povertà.
La donna è allor sincera che mostrasi cattiva.
La vera felicità è non aver bisogno di felicità
Chi domanda timorosamente, insegna a rifiutare.
Smetterai di temere se avrai smesso di sperare.
Tal nella solitudine vivi qual fossi in piazza.
Breve è la vita in sé, lunga il dolor la rende.
La vera felicità è non aver bisogno di felicità.
Molti imparano non per la vita ma per la scuola.
Non temiamo la morte, ma il pensiero della morte.
Chi con un ebbro litiga, un uomo assente insulta.
Non è mai esistito ingegno senza un poco di pazzia.
È naturale ammirare più le cose nuove che le grandi.
I vizi: è più facile sradicarli che tenerli a freno.
L'inizio della salvezza è la conoscenza del peccato.
Ho vissuto abbastanza; ora, sazio, aspetto la morte.
I mali incerti sono quelli che ci tormentano di più.
Chi troppo presto giudica, s'affretta al pentimento.
È naturale ammirare più le cose nuove che le grandi.
Nessuno è obbligato a correre sulla via del successo.
Sii servo del sapere se vuoi essere veramente libero.
Un grande pilota sa navigare anche con la vela rotta.
Non ha più nulla a perdere chi il credito ha perduto.
Come è dolce aver estenuato e abbandonato le passioni!
Comandare a se stessi è la forma più grande di comando.
Nessuna cosa ci appartiene, soltanto il tempo è nostro.
Comandare non significa dominare, ma compiere un dovere.
Dovunque c'è un uomo, c'è l'occasione per fare del bene.
Gran parte del progresso sta nella volontà di progredire.
Il delitto coronato dal successo prende il nome di virtù.
In mezzo agli stessi piaceri nascono le cause del dolore.
È l'animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi.
Dipenderai meno dal futuro se avrai in pugno il presente.
Lieve è il dolore che permette di prendere una decisione.
Il più potente è colui che ha se stesso in proprio potere.
È necessario imparare tanto a lungo quanto a lungo si vive.
L'applauso della folla è la prova dell'empietà di una causa.
Da un uomo grande c'è qualcosa da imparare anche quando tace.
Il saggio è colui che sa vivere senza speranza e senza paura.
La solitudine è per lo spirito ciò che il cibo è per il corpo.
Che cosa misera è l'umanità se non si sa elevare oltre l'umano!
La lealtà comprata col denaro, dal denaro può essere distrutta.
Non chi ha poco è povero, ma chi desidera più di quello che ha.
Niente costa di più di ciò che si è comperato con le preghiere.
Soffriamo di più per cio che immaginiamo che per cose concrete.
Le ricchezze sono al servizio del saggio, allo sciocco comandano.
La filosofia non respinge né preferisce nessuno: splende a tutti.
Il mondo è eterno, ma le sue singole parti non sono sempre uguali.
Siate persuasi che è ben difficile essere sempre il medesimo uomo.
Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.
Si volge ad attendere il futuro solo chi non sa vivere il presente.
Ma se sei uomo, ammira chi tenta grandi imprese, anche se fallisce.
Nulla è più contrario alla guarigione del cambiare spesso i rimedi.
Le difficoltà rafforzano la mente, come la fatica rafforza il corpo.
Non é vero che abbiamo poco tempo: la verità é che ne perdiamo molto.
C'è grande differenza fra il non volere e il non sapere fare il male.
Chi è nobile? Colui che dalla natura è stato ben disposto alla virtù.
Anche nel dolore v'è un certo decoro, e lo deve serbare chi è saggio.
A me bastano poche persone, anzi anche una sola o addirittura nessuna.
164 citazioni