Citazioni di Nicolás Gómez Dávila

160 citazioni trovate  
Ogni vita è un esperimento fallito.
Dio è ciò che elude tutte le prove.
Chi scrive per convincere mente sempre.
Ogni civiltà è un dialogo con la morte.
Mille sono le verità, uno solo l'errore.
La forma sublime del disprezzo è il perdono.
Delle persone che amiamo ci basta l'esistenza.
Maturare è scoprire l'altra faccia delle cose.
Nessuno che conosca se stesso si può assolvere.
Il socialismo è la filosofia della colpa altrui.
L'uomo è un animale che immagina di essere uomo.
Nessuna idea che ha bisogno d'appoggio lo merita.
Visto dall'interno, niente è completamente vuoto.
Il popolo non elegge chi lo cura, ma chi lo droga.
Tutto ci sembra caotico tranne il nostro disordine.
La società del futuro: una schiavitù senza padroni.
Il filosofo non è altro che la fiamma che lo brucia.
La sensualità è la presenza del valore nel sensibile.
Rassegnarsi all'errore è il principio della saggezza.
Le rivoluzioni sono perfette incubatrici di burocrati.
Ogni individuo con «ideali» è un potenziale assassino.
Al volgo non interessa essere libero, ma credersi tale.
Non c'è fraternità politica che valga un odio condiviso.
Istruire non è indicare soluzioni, ma rivelare problemi.
Non è la sensualità che allontana da Dio ma l'astrazione.
Chiamiamo egoista chi non si sacrifica al nostro egoismo.
Le incertezze del maestro sono le certezze del discepolo.
Gli esempi concreti sono i carnefici delle idee astratte.
Respiro male in un mondo non attraversato da ombre sacre.
Al cospetto di ogni verità un'angoscia segreta ci pervade.
Solo se ci contraddicono possiamo affinare le nostre idee.
La serenità è il frutto della rassegnazione all'incertezza.
L'uomo ama solo chi adula, ma rispetta solo chi lo insulta.
Solo lo stupido sa esattamente perché crede o perché dubita.
Tra intellettuali la conversazione è scambio di idee altrui.
Ogni religione altrui oscilla tra il ridicolo e il diabolico.
Il riso amabile e compiacente è una prostituzione dell'anima.
Adattarsi è sacrificare un bene remoto a un bisogno immediato.
Avere ragione è una ragione in più per non aver alcun successo.
Vedere diventa monotono se non serve a vedere come vedono altri.
Amare è sentire la pressione del corpo assente contro il nostro.
Ritenere di non avere pregiudizi è il più comune dei pregiudizi.
Si deve leggere solo per scoprire ciò che va eternamente riletto.
La prolissità non è un eccesso di parole, ma una carenza di idee.
Il ridicolo è il tribunale supremo della nostra condizione terrena.
Per il lettore che sa leggere tutta la letteratura è contemporanea.
Avere opinioni è il modo migliore per eludere l'obbligo di pensare.
Tra poche parole è così difficile nascondersi come tra pochi alberi.
La Bibbia non è la voce di Dio, ma quella dell'uomo che lo incontra.
L'interlocutore incoerente è più irritante dell'interlocutore ostile.
Soltanto i personaggi dei romanzi mediocri risolvono i loro problemi.
Una convinzione si irrobustisce solo quando la nutriamo di obiezioni.
La parola non è stata data all'uomo per ingannare, ma per ingannarsi.
Invecchiare con dignità è un compito da svolgere istante per istante.
Riferita a problemi seri, la parola "soluzione" ha un suono grottesco.
Civiltà è ciò che è miracolosamente scampato allo zelo dei governanti.
Il popolo sopporta di essere derubato, purché non si smetta di adularlo.
L'uomo a volte dispera con dignità, ma è raro che speri con intelligenza.
I ragionamenti convincono solo chi ha bisogno di una scusa per arrendersi.
L'atto filosofico per eccellenza è scoprire un problema in ogni soluzione.
Tra i moderni succedanei della religione forse il meno abietto è il vizio.
La legge è forma giuridica del costume oppure sopraffazione della libertà.
Chi vede diffondersi le proprie idee deve sospettare che siano traditrici.
Quanto più l'uomo crede di essere libero, tanto più facile è indottrinarlo.
L'uomo comune erra nell'oscurità, il filosofo si sbaglia alla luce del sole.
Per meschina e povera che sia, ogni vita possiede istanti degni di eternità.
Non potendo parlare sempre della morte, tutti i nostri discorsi sono banali.
La legislazione che protegge minuziosamente la libertà strangola le libertà.
Viviamo perché non ci guardiamo con gli occhi con cui gli altri ci guardano.
La personalità di questi tempi è la somma di ciò che fa colpo sugli stupidi.
Il sorriso dell'essere che amiamo è l'unico rimedio efficace contro il tedio.
Appartengono alla letteratura tutti i libri che si possono leggere due volte.
Nessuno sa esattamente cosa vuole finché il suo avversario non glielo spiega.
Le civiltà muoiono per l'indifferenza verso i valori peculiari che le fondano.
In filosofia il nuovo non è un albero nuovo, ma un nuovo germoglio primaverile.
Predicano le verità in cui credono o le verità in cui credono di dover credere?
L'autentico umanesimo si edifica sulla consapevolezza delle insufficienze umane.
Ogni bene che si possa dimostrare è un bene a metà. Il Bene si può solo mostrare.
Chi si ostina a voler capire più di quel che c'è da capire capisce meno di tutti.
Sono pochi quelli che non si scoraggiano quando smettono di credere alle menzogne.
Nulla è più pericoloso che risolvere problemi transitori con soluzioni permanenti.
La prima cosa che lo scrittore inventa è il personaggio che scriverà le sue opere.
L'uomo non è padrone della propria intelligenza: ne riceve semplicemente le visite.
Sensuale, scettico e religioso non sarebbe una cattiva definizione di ciò che sono.
Pensare come i nostri contemporanei è la ricetta della prosperità e della stupidità.
Lo stupido, non comprendendo l'obiezione che lo confuta, si sente da essa rafforzato.
Lo scetticismo non è la tomba dell'intelligenza, bensì la fonte che la ringiovanisce.
Pochi uomini sopporterebbero la propria vita se non si sentissero vittime della sorte.
Quando si è giovani si teme di passare per stupidi; nell'età matura si teme di esserlo.
La saggezza consiste semplicemente nel non insegnare a Dio come si debbano fare le cose.
L'artista contemporaneo si ribella alla borghesia per vendere più care le proprie opere.
L'uomo preferisce discolparsi con la colpa altrui piuttosto che con la propria innocenza.
La ragione è una mano premuta sul petto a placare il battito del nostro cuore disordinato.
I pregiudizi di altre epoche ci risultano incomprensibili quando siamo accecati dai nostri.
Sarebbe interessante verificare se c'è mai stata predica che non sia sfociata in assassinio.
L'uomo moderno non si sente mai così individuo come quando fa le stesse cose che fanno tutti.
Lo stupido si interessa delle idee altrui solo quando sfiorano le sue tribolazioni personali.
Non c'è retorica che prolunghi l'amore tra le anime oltre l'istante in cui la carne si placa.
La nostra insignificante apparenza è una prova che fa fede della nostra insignificante realtà.
La morte di Dio, è una falsa notizia messa in giro dal diavolo che mentiva sapendo di mentire.
160 citazioni trovate