Citazioni di Henri Laborit

11 citazioni  
Un cervello non serve a pensare, ma ad agire.
La sola ragione d'essere di un essere è di essere. Vale a dire, di mantenere la sua strutturqa, ovvero di mantenersi in vita. Senza questo, non ci sarebbero esseri.
È bene notare quanto la carica affettiva delle parole "benessere"; "gioia", "piacere" è diversa. Il benessere è accettabile, la gioia è nobile, il piacere sospetto.
I mercanti non sono stati scacciati dal tempio, lo stanno invadendo completamente e stanno installando i loro negozi e i loro pannelli pubblicitari nel profondo dei nostri neuroni, se non ci difendiamo.
Finché non sarà conosciuto ampiamente in tutto il pianeta il modo in cui funziona il nostro cervello, il modo in cui l'utilizziamo, e finché non avremo capito che finora esso è stato usato soprattutto per dominare l'altro, ci sono poche speranze che qualcosa cambi.
È l'incoscienza dei nostri determinismi che ci fa credere alla nostra coscienza come alla nostra libertà. Il termine "coscienza" dovrebbe forse essere riservato alla coscienza della nostra incoscienza, alla coscienza del fatto che siamo completamente incatenati al nostro substrato biologico e al nostro ambiente sociale.
Nozione difficile da ammettere, l'assenza della libertà umana, perché essa conduce al crollo di tutto un mondo di giudizi di valore senza il quale la maggior parte degli individui si sentono perduti. L'assenza di libertà implica l'assenza di responsabilità, e questa implica a sua volta l'assenza di merito, la negazione del riconoscimento sociale di esso, il crollo delle gerarchie.
L'uomo si accorge, alla fine di questa lunga storia di conquiste, che la conquista più difficile, sebbene sembri la più semplice, poiché è dentro di sé, è la conoscenza di ciò che si è. Avendo sempre rivolto all'esterno il suo sguardo, ha finora ignorato il suo interno, o quanto meno, supponendo che questo interno era di un'altra natura che l'esterno, ha voluto trattarlo diversamente.
L’amore. Con questa parola spieghiamo tutto, perdoniamo tutto, validiamo tutto, perché non cerchiamo mai di sapere cosa contenga (...) E’ una parola che mente continuamente, e questa menzogna è accettata, con una lacrima, senza discussione, da ogni persona (...) Chiunque osasse metterla a nudo, spogliarla fino alle mutande dei pregiudizi che la ricoprono, non sarebbe considerato come una persona lucida, ma come un cinico.
Amare l'altro dovrebbe significare ammettere che possa pensare sentire e agire in modo non conforme ai nostri desideri alla nostra gratificazione, accettare che viva secondo il suo sistema di gratificazione personale e non secondo il nostro. Ma l'apprendimento culturale nel corso dei millenni ha legato il sentimento amoroso a quello di possesso, di appropriazione, di dipendenza, rispetto all'immagine che ci facciamo dell'altro, a tal punto che colui che si comportasse così nei confronti dell'altro sarebbe giudicato solo indifferente.
Amare l'altro, dovrebbe significare che si ammette che esso possa pensare, sentire, agire in un modo che non è conforme ai nostri desideri, alla nostra gratificazione, accettare che viva secondo il suo sistema di gratificazione personale e non in accordo con il nostro. Ma l'apprendimento culturale nel corso dei millenni ha legato così tanto il sentimento dell'amore a quello del possesso, dell'appropriazione, della dipendenza dall'immagine che abbiamo dell'altro, che colui che si comporta così in relazione a l'altro sarebbe descritto come indifferente.
11 citazioni