Citazioni casuali

Citazioni in
Ordinate per
Autore
Argomento
Testo
7927 citazioni  
Il saggio sa cosa è opportuno dire e cosa non dire, quando è opportuno parlare e quando tacere.
«E voi,» dissi con infantile impertinenza, «non commettete mai errori?»
«Spesso,» rispose. «Ma invece di concepirne uno solo ne immagino molti, così non divento schiavo di nessuno.» (da Il nome della rosa)
[... ] Se i morenti potessero aver fiducia della Morte, non ci sarebbero Morti [... ].
Il mezzo più sicuro per non essere molto infelici è la rinuncia a pretendere di essere molto felici.
Siamo tutti diversamente intelligenti e ognuno valuta l'intelligenza altrui usando la propria.
I matematici possono dimostrare solo teoremi banali perché ogni teorema che viene dimostrato è necessariamente banale.
I medici sono fortunati: i loro successi brillano al sole e... la terra copre gli errori.
Siamo come gli attori della commedia dell'arte, che improvvisano su un canovaccio scritto dalla Natura.
Siccome per essere felici abbiamo bisogno della cooperazione altrui, quando siamo infelici tendiamo a dare agli altri la colpa del nostro soffrire.
Il rispetto non c'è da aspettarselo, bisogna esigerlo.
Non c'è donna più bella di quella che passa sotto la tua finestra e un attimo dopo non c'è più.
Posto che due esseri umani accettino la loro umana debolezza, precarietà e finitezza, mettendola in comune possono giungere a sentirsi entrambi più forti. E non solo perché possono aiuarsi nei momenti di difficoltà. Se avviene all'insegna del volersi bene, quella messa in comune realizza un altro effetto straordinario. Le persone possono giungersi ad esporsi l'una all'altra senza difese e a sentire che nessuno dei due ne approfitterà. (da "Star male di testa")
Le masse saranno sempre al di sotto della media. La maggiore età si abbasserà, la barriera del sesso cadrà, e la democrazia arriverà all'assurdo rimettendo la decisione intorno alle cose più grandi ai più incapaci. Sarà la punizione del suo principio astratto dell'Uguaglianza, che dispensa l'ignorante di istruirsi, l'imbecille di giudicarsi, il bambino di essere uomo e il delinquente di correggersi. Il diritto pubblico fondato sull'uguaglianza andrà in pezzi a causa delle sue conseguenze. Perché non riconosce la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, cioè la fatica individuale: culminerà nel trionfo della feccia e dell'appiattimento.
Laddove non si riesce ad accordarsi su altre leggi, vale quella del più forte. Perciò, quanto più si è deboli, tanto più conviene accordarsi.
Siamo conformisti al punto tale che se vogliamo differenziarci dobbiamo farlo secondo comuni modelli di differenziazione.
Per l'inconscio essere diversi dagli altri è una colpa che prima o poi viene scoperta e punita.
Una gallina è il solo modo di un uovo per fare un altro uovo.
Siamo tutti pazienti psichici, nel senso che soffriamo, più o meno, per motivi mentali.
La sessualità è una componente fondamentale del nostro essere, anche nei momenti in cui non esercitiamo alcuna attività sessuale.
I filosofi superficiali sono la rovina dell'arte.
Prospero ha torto quando dice: "Siamo della stessa materia di cui sono fatti i sogni". Avrebbe invece dovuto dire: "I sogni sono frammenti della materia di cui noi siamo fatti"
La psiche è un'arena dove si affrontano demoni antagonisti e vince il più forte, non il più intelligente.
Capita a volte di sentirsi per un minuto felici. Non fatevi prendere dal panico: è questione di un attimo e passa.
Noi abbiamo poco controllo sopra i nostri pensieri. Siamo prigionieri delle idee.
La castità è la più pericolosa di tutte le perversioni sessuali.
Per non ammalarsi di testa occorre avere almeno 4-5 persone che stimiamo, che ci stimano e ci vogliono bene anche se tutti gli altri ci disprezzano o ci ignorano.
Si fa presto a dire "migliorare", ma rispetto a cosa? Cos'è il buono? Cos'è il bene al di fuori dei luoghi comuni e religiosi? Io credo che oggi si parli troppo poco e male dei bisogni umani, del piacere e del dolore (in tutte le loro forme), che secondo me sono la misura di ogni etica e pragmatica. Limitarsi a dire che si tratta di cose soggettive non ci aiuta, anzi ci fa smarrire, ci confonde.
Scienza è credere nell'ignoranza degli esperti.
La tv vive di cinema, ma il cinema muore di tv.
Siamo tutti schiavi, ma pochi lo sanno.
Chi vuole insegnare agli altri come essere felici, deve prima di tutto dimostrare di esserlo.
L'altruismo di un essere umano è utile alla sua specie e allo stesso individuo. Infatti se l'uomo smettesse di essere altruista (almeno in una certa misura) la specie umana si estinguerebbe dopo grandi sofferenze per i singoli individui.
La psicoterapia dovrebbe includere un addestramento alla libera immaginazione.
Fra tutti i concetti di natura scientifica, quello del caso distrugge più degli altri ogni antropocentrismo ed è il più intuitivamente inaccettabile da parte di quegli esseri profondamente teleonomici che siamo noi.
Può succedere che due persone con idee diverse abbiano entrambe ragione e/o entrambe torto.
L’empatia può essere inibita nel suo sviluppo e addirittura rimossa dall’interazione con un ambiente culturale che la squalifica come una pericolosa debolezza in rapporto ad una società che impone di pensare a sé e, quando è necessario, di essere anche “cattivi”
Il tempo raffredda, il tempo chiarifica; nessuno stato d'animo si può mantenere del tutto inalterato nello scorrere delle ore.
Ogni cosa che facciamo, diciamo e scriviamo (compreso ciò che postiamo nei social network come Facebook) esprime inconsciamente l'identità sociale che assumiamo o desideriamo assumere, la posizione gerarchica, il ruolo e il prestigio che consideriamo giusti per noi e il desiderio che tali assunzioni vengano riconosciute e accettate dagli altri.
Per poter interagire con qualcuno non è possibile essere qualsiasi cosa, avere qualsiasi identità e natura, essere se stessi liberamente, ma è indispensabile avere una identità, ovvero un insieme di caratteristiche, compatibile con le aspettative e le esigenze dell'altro.
La solitudine non ci lascia mai soli.
Se dobbiamo essere sempre in preda ad errori e illusioni, preferiamo che siano almeno naturali e piacevoli.
Dato che siamo geneticamente uguali ai nostri antenati di 20000 anni fa, si può affermare che i nostri bisogni innati siano gli stessi dell'uomo di allora, e che tutti gli altri bisogni dell'uomo odierno siano indotti dalla cultura in cui vive.
E' più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.
L'uomo ragionevole adatta se stesso al mondo, quello irragionevole insiste nel cercare di adattare il mondo a se stesso. Così il progresso dipende dagli uomini irragionevoli.
Un giovane va incontro alla vita: cioè, è la vita che da dietro lo spinge.
Io appartengo alla categoria dei non appartenenti.
La virtù si indebolisce senza un avversario, allora appare quanto sia grande e quanto valga , quando mostra che cosa possa con la sua pazienza.
L'uomo è nato per soffrire e ci riesce benissimo.
La felicità non è avere quello che si desidera, ma desiderare quello che si ha.
Quando mi chiamano “mio”, non sono nessuno.
Non sono misogino. La fidanzata, avessi il giardino, la terrei!
I computer non viventi sono estensioni di menti umane, come qualsiasi altro oggetto o forma culturale (che oggi chiamiamo "meme"). Infatti non esistono computer non viventi che non siano stati prodotti dall'uomo. I computer viventi sono invece i sistemi nervosi di piante e animali ottenuti per selezione naturale o per selezioni e modifiche genetiche operate dall'uomo.
Gli uomini infinitamente piccoli hanno un orgoglio infinitamente grande.
La massa ama gli uomini forti. La massa è donna.
L'io cosciente deve imparare a interagire in modo soddisfacente sia con gli enti esterni, sia con quelli interni alla propria persona.
In politica un incompetente può fare più danni che un disonesto.
Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri.
Il denaro è un servo che spesso tiranneggia il padrone.
La psicologia indaga ciò che non sappiamo e a cui non pensiamo, che tuttavia determina i nostri pensieri.
Il peggior nemico della democrazia è la democrazia stessa.
Certi bisogni elementari possono aggregarsi per costituire bisogni di livello più alto.
Siamo tutti personaggi tragicomici, specialmente quelli che non ne sono consapevoli.
L'uomo non ha bisogno di verità, ma di condivisione di narrazioni, vere o false che siano.
La sopravvivenza dipende da due fenomeni o processi contrastanti, due modi di raggiungere l'adattamento. Come Giano, l'evoluzione deve sempre guardare in due direzioni: all'interno, verso la regolarità dello sviluppo e la fisiologia delle creature viventi, e all'esterno, verso i capricci e le esigenze dell'ambiente.
L’ordinaria follia degli adulti nelle relazioni interpersonali e nella dimensione sociale è comprensibile solo se riferita ad un’infanzia priva di sicurezze di base, mai elaborata e mai superata.
La fantasia è tanto più robusta quanto più debole è il raziocinio.
Chi desidera ma non agisce, alleva pestilenza.
L'atto di disobbedienza, in quanto atto di libertà, è l'inizio della ragione.
Chi non condanna il male ne è complice.
Conoscere se stessi? Impossibile se non si conoscono anche gli altri, se non si conosce l'uomo in generale.
Più che di macchine abbiamo bisogno di umanità. Più che di intelligenza abbiamo bisogno di dolcezza e bontà.
Bisogna che abbiamo un'idea molto primitiva dell'eternità se facciamo tanto caso del morire a trenta o a cent'anni.
Per non mettere in difficoltà il nostro interlocutore ed evitare di essere considerati arroganti, conviene nascondere le parti migliori di noi stessi, le nostre conoscenze, i nostri giudizi, le nostre opinioni, i nostri principi morali, le nostre differenze, le nostre abilità, le nostre superiorità e mostrare di noi solo ciò che l'altro può tollerare ed è in grado di apprezzare.
Attraversare il mondo in consapevole leggerezza.
L'interesse, la volontà, il desiderio, il bisogno, la paura, orientano e deformano la percezione della realtà.
Quando insegnano, gli uomini imparano.
È importante tener presente che nella fisica odierna, noi non abbiano cognizione di ciò che l'energia è. Non abbiamo un modello che esprima l'energia come somma di termini definiti.
L'uomo è più vicino a se stesso quando raggiunge la serietà di un bambino intento nel gioco.
Regimi democratici possono essere definiti quelli nei quali, di tanto in tanto, si dà al popolo l'illusione di essere sovrano, mentre la vera effettiva sovranità sta in altre forze talora irresponsabili e segrete. La democrazia è un regime senza re, ma con moltissimi re talora più esclusivi, tirannici e rovinosi che un solo re che sia tiranno.
Non ho paura della cattiveria dei malvagi, ma del silenzio degli onesti.
È impossibile non dipendere da qualche persona o gruppo. Semmai possiamo scegliere da chi dipendere.
"Il popolo" sogghignò il vecchio "il popolo... Il popolo cornuto era e cornuto resta: la differenza è che il fascismo appendeva una bandiera sola alle corna del popolo e la democrazia lascia che ognuno se l'appenda da sé, del colore che gli piace, alle proprie corna... [...]"
Diffidate degli ottimisti sono la claque di Dio.
Accusare di ostilità chi non è ostile è un atto ostile che vuole giustificare se stesso.
Ciò che segretamente ogni umano desidera è avere potere, dominio, controllo, influenza sugli altri.
Le religioni sono necessarie al popolo, e sono per esso un inestimabile beneficio. Quando però esse vogliono opporsi ai progressi dell’umanità nella conoscenza della verità, allora debbono essere messe da parte con la massima deferenza possibile. E pretendere che anche uno spirito grande - uno Shakespeare, un Goethe - faccia entrare nella propria convinzione, implicite, bona fide et sensu proprio, i dogmi di una qualche religione, è come pretendere che un gigante calzi la scarpa di un nano.
Un piccolo spazio/tempo pieno di cose interessanti è più ricco di un grande spazio/tempo vuoto.
L’obbedienza è un atto di fede e la disobbedienza è il risultato di una mancanza di fede.
Che cosa è la fotografia se non verità momentanea, verità di un momento che contraddice altre verità di altri momenti?
Cambiare sé stessi significa spostare i propri limiti.
Una poesia è buona finché si sa di chi è.
Ciò che anima la vita intellettuale è la convinzione del fallimento, dell'aborto o dell'insufficienza delle vite intelletturali anteriori.
È noioso desiderare sempre e non soddisfarsi mai.
La mia mente cambia continuamente, perché è il risultato delle mie esperienze e ogni mia nuova esperienza la trasforma.
L'uomo ha bisogno di sentirsi parte attiva di qualcosa di più grande di sé.
Uno dei primi effetti della bellezza femminile su di un uomo è quello di levargli l'avarizia.
Ognuno di noi è una società [di algoritmi biologici] a responsabilità limitata.
Non esiste felicità intelligente.
E sappiamo che la disciplina consiste in un imbecille che si fa obbedire da altri più intelligenti di lui.
Considerata la nostra interdipendenza e la necessità di conformarci a dei comuni modelli di pensiero e di comportamento, scegliamo insieme i modelli più adeguati e soddisfacenti.
7927 citazioni